post

Fare business durante il mese del Ramadan

Siamo in questi giorni nel periodo del Ramadan, che nel 2016 è cominciato fra la notte del 6 al 7 giugno. Il Ramadan è il mese sacro dei musulmani che corrisponde al nono mese del calendario lunare musulmano e in cui si celebra la rivelazione del Corano al Profeta Maometto.

Fino al 5 luglio più di 1.6 miliardi di musulmani nel mondo sono chiamati a seguire uno stile di vita dedicato al digiuno, la preghiera, la meditazione e all’autodisciplina. Durante il mese del Ramadan, i musulmani praticanti adulti e senza problemi di salute, non possono mangiare, bere, fumare o praticare sesso dall’alba fino al tramonto del sole.

Circa il 23% della popolazione mondiale è di fede islamica, ciò vuol dire che è la seconda religione per numero di fedeli al mondo (dopo il cristianesimo) e si prevede che diventerà la prima nel 2050 con circa 2,8 miliardi di persone. I motivi di questa crescita si trovano negli aspetti demografici, che indicano che la popolazione musulmana ha più figli delle altre religioni e della popolazione non religiosa. Inoltre, in questo momento la popolazione musulmana è mediamente più giovane, e quindi nei prossimi anni sarà più prolifica.

Attualmente l’Islam è la religione predominante nel Medio Oriente e il Nord Africa, il Sahel, il Corno di Africa e in alcune zone dell’Asia. Inoltre troviamo numerose e ampie comunità di musulmani in Cina, in Russia, nei Balcani e in India, senza dimenticare che l’Europa accoglie più di 40 milioni di musulmani. Se teniamo in conto che fra qualche decennio il numero di musulmani crescerà del 73%, uguagliando la comunità cristiana, l’occidente deve imparare a fare business con il mondo islamico, anche durante il loro mese sacro, il Ramadan.

Come anticipato, durante il mese del Ramadan i musulmani seguono uno stile di vita diverso dall’abituale, perciò è consigliato conoscere i loro costumi e adattarsi se si deve fare business con una controparte musulmana:

1.Evitare di programmare incontri di lavoro dopo le 15:00. Dato che i musulmani devono digiunare e non bere fino il tramonto del sole, le 15:00 del pomeriggio sarà un momento in cui loro cominceranno a sentirsi con meno energia. L’orario migliore per fissare un appuntamento business sarà le 10:00 o le 11:00 del mattino (gli uffici potrebbero avere un orario specifico durante il Ramadan).

2. Rispondere affermativamente all’ospitalità locale. Se siete invitati a un Iftar (rottura del digiuno), dovete andare! Ricevere un invito a un Iftar è un’opportunità da non perdere, non solo per assistere alla tradizione, ma per allargare il proprio network e rafforzare i legami con la controparte islamica.

3. Mostrare pazienza e rispetto. Il mese del Ramadan è un mese in cui fa caldo e le persone sono stanche, si consiglia di non perdere la calma ed essere paziente con coloro che stanno seguendo il digiuno. Inoltre, non aspettarsi che i businessmen musulmani siano nello stato d’animo giusto per prendere decisioni importanti. Il Ramadan è un periodo di riflessione in cui si approfitta per passare tempo di qualità con famiglia e amici.

4. Ricordiamo che la vita normale riprende non appena il sole tramonta (verso le sette di sera) e i negozi rimangono aperti fino a tarda notte. Godetevi la festa!

Curiosità: Ma cosa fanno i musulmani che vivono in paesi come l’Islanda in cui il digiuno dura 21 ore e 57 minuti (dall’alba, 2:03 del mattino fino il tramonto, intorno alla mezzanotte)? I saggi islamici hanno risolto questo problema consigliando ai fedeli di seguire il calendario di un altro paese musulmano.

Invece questo dilemma non si presenterà in Australia, dove ora è inverno, e il digiuno dura soltanto 11 ore e 24 minuti!

Allora non ci resta che augurarvi un bellissimo Ramadan Mubarak!